La FotoCosa del Giorno | Uomini e balene

FotoCose | la FotoCosa del giorno

Il 23 luglio 1982 la Commissione internazionale per la caccia alle balene decide che questa pratica per fini commerciali verrà interrotta entro il 1985/86.

Oggi anche la caccia tradizionale di sussistenza, praticata da alcune popolazioni indigene, è altamente controversa e divisiva, nonostante le tipologie di balene da esse cacciate non siano in pericolo in estinzione.

Caccia nel nord Atlantico

Per i 50.000 abitanti delle Isole Faroe, un arcipelago a governo autonomo che fa parte del Regno di Danimarca, la caccia alle balene pilota a pinne lunghe, e il loro consumo come cibo, è una tradizione secolare.

Gli uomini raccolgono la carne di una balena pilota dopo la caccia a Sandur. La caccia alle balene è sempre stata non commerciale e la carne è condivisa tra la comunità. Foto: Ed Ou / Reportage: Getty Images

Il fotografo Ed Ou si è recato con Elise Coker alle Isole Faroe, ed insieme hanno realizzato un documentario, The Grind (visibile integralmente alla fine dell’articolo), sulla contrapposizione tra faroesi e la società di conservazione marina Sea Shepherd.

Nel frattempo continua a portare avanti un lavoro fotografico dal titolo The Sheperds of the Sea. L’intervista che segue è un estratto dell’originale, realizzata da TED, disponibile integralmente in inglese a questa pagina.

Riflessioni

I Faroesi cacciano queste balene per mangiare, ma per essere chiari, le balene sono ancora necessarie per la loro dieta?

Non c’è quasi nessuna agricoltura nativa nelle Isole Fær Øer, e le balene sono state storicamente un alimento base. Sono sopravvissuti fino ai giorni nostri pescando e allevando pecore. […] Coloro che si oppongono alla tradizione spesso affermano che i faroesi non hanno bisogno della balena quando hanno accesso a risorse dal resto del mondo, ma questo suggerimento secondo cui i faroesi dovrebbero fare affidamento esclusivamente sul sostentamento esterno sembra a molti ingiusto e persino un po’ ironico, specialmente alla luce del movimento mangiare cibi locali.

I faroesi sostengono che l’autosufficienza è della massima importanza per loro, e se non fossero per le balene, un alimento gratuito, non commerciale, cacciato localmente, sarebbero significativamente più dipendenti dalle importazioni. Inoltre, si chiedono se sia meglio, sia dal punto di vista umano che ambientale, importare un maiale da una fattoria in qualche parte dell’Europa continentale piuttosto che cacciare una balena che nuota nelle isole. L’altra cosa da notare è che anche quando non cacciano le balene, la loro intera industria di esportazione si basa sulla pesca e sulle risorse del mare.

Una ragazza si arrampica su un letto di ghiaccio con il pescato del giorno durante una festa di pesca a Klaksvik, Isole Faroe. Foto: Ed Ou / Reportage: Getty Images

Perché pensi che tutto questo abbia ricevuto così tanta attenzione? Pensi che Sea Shepherd avrebbe risposto diversamente se i cacciatori coinvolti fossero stati indigeni? Si presume che se le persone sembrano europee, hanno accesso ad altri alimenti?

In poche parole, la caccia alle balene è sanguinosa. Si svolge all’aperto e le balene hanno uno status speciale nei cuori e nell’immaginazione delle persone. I faroesi sosterranno che la caccia alle balene e l’atto di uccidere per procurarsi il cibo non è peggio che mangiare manzo, pollo o maiale. In effetti, continuano dicendo che le balene cacciate hanno vissuto una vita piena nell’oceano, mentre l’allevamento di polli o mucche è più crudele e peggiore per l’ambiente.

È difficile dire come l’etnia faroese gioca in questo. Sea Shepherd organizza campagne contro culture indigene non europee. Penso che la differenza principale sia che i Faroesi non hanno sperimentato il colonialismo, mentre altre culture che spesso assumono il peso di un simile attivismo hanno una storia molto più traumatizzata di estranei che impongono standard alieni sui loro modi di vita. Di conseguenza, i faroesi hanno molto orgoglio spudorato e difendono la loro cultura, forse più delle culture che sono state sistematicamente oppresse nel tempo.

Foto: Ed Ou / Reportage: Getty Images

Perché pensi che gli attivisti si siano concentrati su questo piuttosto che sul tentativo di fermare la produzione di carne industriale?

Sea Shepherd organizza campagne per fermare la pesca industriale e la caccia alle balene in altre parti del mondo. Per essere chiari, non pensiamo che l’istinto di voler salvare le balene e conservare la fauna marina non sia affatto sbagliato. Questa campagna nelle Isole Fær Øer è molto visiva e accessibile per Sea Shepherd. Come ci hanno detto i volontari, questa è una cosa specifica, piccola e relativamente facile da fermare. Si può facilmente immaginare di trovarsi fisicamente tra un piccolo gruppo di cacciatori e le balene. La responsabilità per i maggiori problemi che affliggono gli oceani è così diffusa e diffusa che il focus di una missione come questa nelle Isole Faroe è allettante per coloro che vogliono sentirsi come se stessero facendo una differenza immediata e viscerale.

Foto: Ed Ou / Reportage: Getty Images

Come ti senti per la situazione? Le tue percezioni sono cambiate mentre trascorri del tempo con i faroesi?

Le persone vedono queste immagini delle cacce alle balenesu Internet e cancellano l’intero paese e la cultura basandosi su un atto singolare. Con qualsiasi storia che facciamo, è importante come giornalisti andare oltre l’ovvio e scavare davvero in profondità in una cultura. Entrando in questa storia, sapevamo che sarebbe stato carico emotivamente, le persone probabilmente guarderanno il nostro pezzo con opinioni molto forti e impostate.

Come giornalisti, non evitiamo argomenti controversi, ma è nostro compito dare un contesto e presentare una rappresentazione equa ed equilibrata di entrambe le parti di un problema. Per raccontare la storia, il nostro ruolo è capire veramente da dove provengono le persone su questioni di cui si sentono appassionate, che si tratti dei cacciatori delle Faroe o degli attivisti contro la caccia alle balene. Lasciamo che le azioni e le parole delle persone parlino da sole. Il nostro obiettivo è fornire alle persone un’informazione comprensiva di un argomento in modo che possano giungere alle proprie conclusioni.

Non perderti neanche una FotoCosa, iscriviti al Gruppo CLAN Fotografia su Facebook oppure Segui il Canale Telegram CLAN Foto

512
Corsi di Fotografia a Grosseto
Segui Luca Deravignone:

Fotografo e videomaker

Fotografo e videomaker, dal 2012 è contributor per Getty Images per le foto di viaggio. Oltre a realizzare servizi foto e video, ha organizzato corsi di fotografia anche in collaborazione con università italiane.