La FotoCosa del Giorno | Ansel Adams: tutto ma proprio tutto su Moonrise

FotoCose | la FotoCosa del giorno

20 febbraio 1902 | Nasce Ansel Adams

Ansel Adams (20 febbraio 1902 – 22 aprile 1984) è un fotografo che non ha bisogno di presentazioni: le sue foto di paesaggi in bianco e nero, soprattutto del parco di Yosemite, sono conosciute universalmente anche dai non addetti ai lavori.

Di lui abbiamo parlato rapidamente anche nella FotoCosa dedicata alle Polaroid, visto che prese parte attivamente nello sviluppo di questa tecnologia.

Celebre anche l’escamotage che aveva utilizzato sulla sua auto, modificata per posizionare comodamente sul tetto la sua macchina fotografica di grande formato.

Oggi però siamo qui per raccontarvi la complessa storia di una delle sue foto iconiche: Moonrise, Hernandez, New Mexico.

La fotografia è forse la più famosa di Adams, e lui stesso ne stampò personalmente oltre 1.300 copie. La fama della fotografia crebbe quando una stampa del 1948 fu venduta all’asta per il prezzo allora inaudito di 71.500 dollari, passando per diverse mai per poi arrivare ad essere rivenduta a 773.100 dollari nel 2019 ad un’asta di Sotheby’s.

Tutto inizia nel 1941, quando Adams sta percorrendo in auto la Highway US 84/US 285: ad un tratto ha una folgorazione. Le sue parole, tratte dal suo libro “Examples: The Making Of 40 Photographs”, ci raccontano i momenti frenetici che hanno portato a questa foto.

La storia di “Moonrise, Hernandez, New Mexico”

Stavo fotografando nella valle del Chama, a nord di Santa Fe. Avevo fatto alcuni negativi passabili quel giorno e ho avuto diverse prove esasperanti con soggetti che non si volevano piegare alla visualizzazione. Lo sforzo più scoraggiante è stato un bel moncone di pioppo vicino al fiume Chama. Ho visto la mia immagine desiderata abbastanza chiaramente, ma a causa di intrusioni ingestibili e fusioni di forme nell’argomento i miei sforzi sono finalmente finiti, e ho deciso che era tempo di tornare a Santa Fe. È difficile accettare la sconfitta, specialmente quando si tratta di una possibile buona immagine. Ma la sconfitta arriva di tanto in tanto per tutti i fotografi, come a tutti i politici, e non c’è motivo di lamentarsi.

Stavamo navigando verso sud lungo l’autostrada non lontano da Espanola quando ho guardato a sinistra e ho visto una situazione straordinaria: una fotografia inevitabile! Ho quasi lasciato la macchina e mi sono precipitato a installare la mia fotocamera 8×10. Stavo urlando ai miei compagni di portarmi cose dall’auto mentre facevo fatica a cambiare componenti sulla mia lente tripla convertibile Cooke. Avevo una chiara visualizzazione dell’immagine che volevo, ma quando il filtro Wratten No. 15 (G) e il supporto per pellicola erano in posizione, non riuscivo a trovare il mio esposimetro Weston! La situazione era disperata: il sole basso trascinava il bordo delle nuvole a ovest e l’ombra avrebbe presto oscurato le croci bianche.

Ero in perdita con i valori di luminanza del soggetto e confesso che stavo pensando di raggruppare diverse esposizioni, quando improvvisamente mi sono reso conto che conoscevo la luminanza della luna: 250 c/ft2. Usando la Formula di esposizione, ho posizionato questa luminanza sulla Zona VII; 60 c/ft2 sono quindi diminuiti sulla zona V e l’esposizione con il fattore di filtro o 3x era di circa 1 secondo a f/32 con pellicola 64 ASA. Non avevo idea di quale fosse il valore del primo piano, ma speravo che a malapena rientrasse nella scala di esposizione. Non volendo rischiare, ho indicato uno sviluppo a bagnomaria per il negativo.

Rendendomi conto di aver rilasciato l’otturatore che avevo una fotografia insolita che necessitava un duplicato negativo, ho invertito rapidamente il porta-pellicola, ma mentre tiravo la frana scura la luce del sole passava dalle croci bianche: ero in ritardo di qualche secondo!

Quando è stata scattata?

Erano le 16:49 del 1 ° novembre 1941.

E ve lo dico non perché Adams si fosse annotato male l’orario e la data di questa foto (si ricordava solo che era autunno, e nemmeno era sicuro dell’anno), ma perché il suo amico e fotografo Beaumont Newhall, si incuriosì a tal punto che scomodò fior fior di astronomi per calcolarli.

Newhall si chiese se le informazioni astronomiche nella fotografia potessero fornire la risposta. Contattò quindi David Elmore dell’Osservatorio sull’alta quota a Boulder che, concentrandosi sui mesi autunnali dal 1941 al 1944, trovò 36 date plausibili per l’immagine. Elmore determinò una posizione e una direzione probabili per la fotocamera lungo l’autostrada e tracciò la posizione apparente della Luna sullo schermo del suo computer per trovare una corrispondenza, arrivando a quel risultato. Adams ringraziò Elmore per aver determinato la data e la usò in diverse pubblicazioni successive, incluso il succitato libro del 1983 “Examples: The Making of 40 Photographs”, arrotondando l’orario 16:05

Ani dopo Dennis di Cicco della rivista Sky & Telescope ha provato poi a verificare i calcoli di Elmore. Inserì così la posizione, la direzione e il tempo in un programma apposito, ma la posizione risultante non corrispondeva all’immagine del sorgere della Luna. Di Cicco era incuriosito dalla discrepanza. Lavorando ininterrottamente per i successivi dieci anni, compresa una visita al luogo, Di Cicco concluse che nel 1991 “Adams era stato ai margini del vecchio fondo stradale, a circa 50 piedi a ovest del punto sulla moderna autostrada che Elmore aveva identificato“. I calcoli di Di Cicco hanno determinato che l’immagine è stata scattata alle 16:49:20 del 1° novembre 1941. Rivide i suoi calcoli con Elmore, che era d’accordo con il risultato di Di Cicco. Elmore era stato fuorviato dalla distorsione del monitor del suo computer di 10 anni prima, da un’ulteriore leggera discrepanza nelle coordinate fornitegli da Adams.

Dove è stata scattata?

Se come molti (tra cui il tizio di questo video) volete andare in pellegrinaggio sul luogo dove è stata scattata la foto sappiate che il luogo si trova nei pressi di Hernandez, New Mexico (ma và?), e queste sono le coordinate del punto dove Adams ha posizionato la sua macchina fotografica: 36.057186 N 106.116974 W.

Moonrise e la postproduzione

La foto è anche famosa perché viene spesso tirata in ballo quando esce fuori un detrattore della postproduzione nell’epoca del digitale al grido di “al tempo della pellicola non si faceva postproduzione!”.

Nella foto qui sopra infatti vediamo Ansel Adams seduto tra due stampe di Moonrise: una direttamente da negativo, l’altra ottenuta attraverso il lavoro di scherma e brucia in camera oscura.

Il cielo era di un blu a così bassa saturazione che nessun filtro avrebbe avuto molto effetto […] è necessaria una quantità considerevole di burning e dodging. Trattengo il lago e il primo piano in ombra per circa tre quarti del tempo di esposizione, usando una carta in costante movimento tenuta relativamente vicino all’obiettivo […] La superficie del lago viene bruciata in seguito per bilanciare la quantità di schivata delle colline e del primo piano circostanti.” Ansel Adams, The Print, Little Brown (1983), pag. 166.

E se lo dice lui, buona luna a tutti!

Non perderti neanche una FotoCosa, iscriviti al Gruppo CLAN Fotografia su Facebook oppure Segui il Canale Telegram CLAN Foto

Scopri i nostri Corsi di Fotografia

Segui Luca Deravignone:

Fotografo e videomaker

Fotografo e videomaker, dal 2012 è contributor per Getty Images per le foto di viaggio. Oltre a realizzare servizi foto e video, ha organizzato corsi di fotografia anche in collaborazione con università italiane.