La FotoCosa del Giorno | Prostitute e “Gentlemen”

FotoCose | la FotoCosa del giorno

11 maggio 1949 | Il Siam diventa Thailandia

Forse la Thailandia è stata la prima meta del sudest asiatico ad essersi aperta, ormai da decenni, ai grandi flussi turistici internazionali, ma purtroppo è famosa anche per una particolare tipologia di turismo: il turismo sessuale. In discorso è molto più ampio, qui infatti, alimentata dai turisti e anche dai locali, la prostituzione e le industrie associate costituiscono una quota considerevole del PIL nazionale. Nel 2015 si stima che questa industria (per quanto legislativamente illegale) abbia fruttato 6,4 miliardi di dollari tra bordelli, sale massaggi, ristoranti e bar specializzati.

Per Cristina de Middel, il reportage fotografico sulla prostituzione era stato però ridotto a una serie di cliché visivi che ruotavano attorno a donne, sesso e capitalismo. La de Middel si è sempre divertita a sovvertire i paradigmi dello status quo per fornire nuove fonti di comprensione e comprensione (come abbiamo visto già nelle FotoCose qui e qui) decidendo così di approcciare dal lato opposto: quello dei clienti.

Lune, 56 anni. Sposato. Tailor. Lune aveva 16 anni quando pagò per la prima volta una prostituta nella sua città natale. Andò al bordello da solo, seguendo il consiglio di un amico. Quella notte ha pagato 3$. Ha quindi iniziato ad andare almeno 10 volte al mese, ma si è fermato quando si è sposato. L’ultima volta ha pagato 9 dollari e ha detto che non ha smesso di andare a causa di sua moglie, ma piuttosto per la sua paura di contrarre infezioni.

Il progetto Gentlemen’s Club è ancora in corso, ed è iniziato a Rio de Janeiro con un semplice annuncio pubblicizzato su due quotidiani gratuiti dove la fotografa si offriva di pagare i clienti per un’ora del loro tempo, durante il quale li avrebbe fotografati e intervistati in una stanza d’albergo locale. Più di 100 uomini hanno risposto, facendo così allargare la storia in modo molto più ampio di quanto la de Middel si immaginasse, espandendola a otto importanti centri di prostituzione in tutto il mondo: Rio, L’Avana, Parigi e Bangkok (già fotografati) ma anche Mumbai, Kiev o Mosca, Las Vegas e Lagos.

Eugeny, 35 anni. Single. Venditore. Russo. Eugeny ha avuto la sua prima esperienza a Bangkok quando aveva 28 anni. Stava bevendo con gli amici e le ragazze del bar si avvicinarono a loro. Lo ricorda come una bella esperienza e ha persino fatto sesso con la stessa ragazza il giorno successivo. Ora assume prostitute 2 o 3 volte al mese e paga fino a 120 USD. Dice che preferisce non pagare né cercare prostitute, ma a volte succede e basta.

Qui, per trovare soggetti ha chiesto a vari conoscenti se conoscessero “qualcuno” che utilizzasse i servizi di una prostituta (non sia mai che siano loro stessi a posare!) Prendendo un taxi che portasse lei e un suo collega nella “zona rossa” di Bangkok, trovò il primo candidato: l’autista stesso. Questo chiamò poi tre amici, e così via, facendo partire il progetto.

Una volta in hotel, la fotografa prenota la stanza per $ 10- $ 20 all’ora, quindi paga gli uomini lo stesso importo che spenderebbero per una prostituta. Grazie ad un traduttore spiega il progetto e mostra esempi di scatti precedenti. Ogni sessione è suddivisa in due parti: prima il ritratto, poi l’intervista.

Il più delle volte prendono i soldi e sono contenti perché alla fine la motivazione è la stessa di quella delle prostitute: lo fanno perché hanno bisogno di soldi. Non lo fanno perché vogliono farlo. Ci sono molti clienti che non accetterebbero mai denaro per essere in una foto, perché non ne hanno bisogno“.

Per la sessione di ritratti, de Middel ha chiesto ai suoi sudditi di fingere di essere nella camera d’albergo all’inizio del loro incontro con una prostituta: “Ci sono alcuni che vanno alle prostitute perché hanno bisogno di affetto e altri che sono davvero ossessionati dal sesso. Ho cercato di capire che tipo di clienti sono. È abbastanza psicologico” osserva de Middel.

Aggiunge: “A Bangkok, la metà dei clienti locali ha dichiarato di essersi ubriacato e che degli amici amici li avevano portati lì. Altri hanno detto di essere andati per curiosità.

Poi c’erano i turisti occidentali. Tutti hanno detto di essere andati con una prostituta per la prima volta a Bangkok. Quasi tutti hanno detto di essere stati ingannati, che erano ubriachi in un bar e pensavano di aver sedotto una donna. Sono andati a casa sua e poi quando si sono svegliati la mattina hanno dovuto pagare un’enorme quantità di denaro, altrimenti avrebbe chiamato la polizia.

Il fatto che lei stessa sia una donna la mette in una particolare condizione: “Ci sono persone che hanno bisogno di parlare, quindi proiettano su di me ciò che direbbero a loro moglie. Cerco di non giudicare. Non voglio biasimarli. Voglio solo capire. Hanno un senso di colpa di fronte a una donna, ma quando sono di fronte a un uomo, non si sentono in colpa. Si mettono in mostra.

Per de Middel, i ritratti che compongono il Gentleman’s Club sono una forma di giustizia visiva e un’opportunità per entrare in un mondo molto noto e vedere cosa è stato in gran parte nascosto dal dialogo pubblico sul tema della prostituzione.

Gentlemen’s Club racconta una storia che pochi hanno raccontato sulla prostituzione, argomento in verità oggetto di moltissimi reportage “Questi uomini vogliono rimanere invisibili. Le conversazioni erano così profonde. Potrebbero essere chiunque. Sono due realtà per due sessi. Se tali informazioni fossero disponibili per le mogli, l’idea della famiglia potrebbe cambiare. Capisco perché gli uomini hanno paura di parlarne apertamente“.

Non perderti neanche una FotoCosa, iscriviti al Gruppo CLAN Fotografia su Facebook oppure Segui il Canale Telegram CLAN Foto

512
Corsi di Fotografia a Grosseto
Segui Luca Deravignone:

Fotografo e videomaker

Fotografo e videomaker, dal 2012 è contributor per Getty Images per le foto di viaggio. Oltre a realizzare servizi foto e video, ha organizzato corsi di fotografia anche in collaborazione con università italiane.