#LiberArtiCLAN | La colazione sull’erba

La Colazione sull’erba (Le déjeuner sur l’herbe) di Eduard Manet fu al centro di uno dei più clamorosi scandali artistici. Rifiutato dal Salon nel 1863, fu esposto per la prima volta nel Salon des Refusés (salone dei rifiutati) istituito da Napoleone III per consentire agli artisti non presenti nel Salon ufficiale di esporre le loro opere. Gli animi benpensanti della borghesia parigina si indignarono davanti a quella raffigurazione di donna nuda, che conversava con due giovani uomini, con atteggiamento disteso e senza pudore.

L’indecenza di quel dipinto, non era tanto nel nudo, consacrato in tutte le accademie del mondo e che Manet omaggiava (e allo stesso tempo trasformava), ma il contesto raffigurato. La donna, insieme a due uomini vestiti con abiti moderni, trascorreva del tempo consumando una merenda sul prato, in un’immagine comune e contemporanea, come si potevano vedere ogni giorno non lontano da Parigi.

Il nudo non era giustificato da un pretesto mitologico, storico o letterario. Era semplicemente una scena di vita quotidiana, dipinta con una tecnica innovativa, giudicata all’epoca aspra e volgare: quella rivoluzionaria “mania di vedere tramite macchie” di Manet.

Le critiche furono innumerevoli, da parte dell’opinione pubblica, critici, artisti, istituzioni. Zola intervenne sulla questione, per scongiurarne la censura, ma l’opera fu condannata e giudicata indecorosa. Napoleone III, la definì uno spregevole insulto alla morale borghese. Questo enorme scandalo prodotto da Le déjeuner sur l’herbe fece tuttavia diventare Manet il pittore più discusso e famoso di Parigi, poiché tutti erano interessati a visitare il Salon des Refusés per esaminare la tela incriminata.

Un nuovo modello di rappresentazione stava iniziando improvvisamente a muoversi nell’arte, per liberare pensieri e possibilità, nella curiosa inconsapevolezza del suo pubblico. La censura cercò di combattere quella forza espressiva, sociale e politica, ma consacrò di fatto la nascita di un nuovo stile e di un linguaggio innovativo, che aprì la strada al pensiero moderno.

Vedi tutti i post della campagna #LiberArtiCLAN e seguila su Instagram e Facebook:

  • #LiberArtiCLAN | Sorry, Egon Schiele
    L’arte di Egon Schiele ha suscitato polemiche da sempre, per il suo stile espressionista dal tratto forte e sensuale e per le figure distorte che esaltano la dimensione esistenziale … ContinuedLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | INO
    Tutto succede nella colorata e libertina Ibiza. Una parete del noto street artist greco Ino viene cancellata, ritenendo il suo messaggio inadeguato e offensivo. Facciamo un passo indietro. L’opera … ContinuedLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | Clara Tice
    Quando l’artista Clara Tice mostrò per la prima volta i suoi nudi, che descrivevano la sinuosità e il lirismo della forma umana, non si aspettava di farsi dei nemici. … ContinuedLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | La colazione sull’erba
    La Colazione sull’erba di Eduard Manet fu al centro di uno dei più clamorosi scandali artistici. Il nudo che presentava non era giustificato da un pretesto mitologico, storico o letterario. Era semplicemente una scena di vita quotidiana, dipinta con una tecnica innovativa, giudicata all’epoca aspra e volgare.
  • #LiberArtiCLAN | L’Origine du Monde
    Nel 1866, a Parigi, Gustave Coubert, massimo esponente del Realismo, realizza “L’Origine du monde”, una rappresentazione puntuale, quasi fotografica, dell’organo genitale femminile. Courbet, lontano dalle convenzioni accademiche, dipinse con … ContinuedLeggi tutto
  • Sparate alla Ballerina Sexy | Arte, Cultura e Censura ai tempi di Facebook
    Il tema della censura è una roba seria, e anche noi di CLAN, nel nostro piccolo, abbiamo assaggiato in più di un’occasione il nero pennarello del censore. Oggi che … ContinuedLeggi tutto