#LiberArtiCLAN | Spudorato Mapplethorpe

#LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura

La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci parla delle loro fobie.
E la paura, lo vediamo oggi più che mai, è l’inchiostro con cui si scrive la storia.

Ogni settimana vi raccontiamo una storia di censura, perché non dobbiamo dimenticare che le nostre libertà – in primis quella di espressione – sono tutt’altro che scontate.

Pensando al mondo dell’arte e alla censura c’è il nome di un fotografo che più di ogni altro, a distanza di oltre trenta anni dalla sua morte, continua a sconcertare il mondo in un tempo oramai assuefatto dalla provocazione e invaso dall’onnipresenza del nudo. Stiamo parlando di Robert Mapplethorpe, artista nato nel quartiere del Queens a New York da una famiglia cattolica di origini irlandesi nel 1946 (di lui abbiamo parlato anche nella FotoCosa del giorno, qui e qui).

L’estetica che scandalizza il mondo

Nel corso della sua carriera, stroncata dall’Aids nel 1989, Mapplethorpe ha scandalizzato il mondo benpensante con immagini cariche di sessualità libere, fatte di pelle, borchie, frustini e pratiche sadomaso. Il suo stile, che nel tempo si sposta verso un’estetica più raffinata – ma non meno scandalosa! – richiama quel concetto di centralità universale dell’uomo per costruire una pornografia rinascimentale.

Si pensi alla serie Thomas del 1986, dove il fotografo cerca la perfezione della forma attraverso il vigore plastico delle membra, la tensione dei muscoli, la postura dei corpi che attualizza la statuaria classica, riportando alla mente la bellezza eterna dei nudi di Michelangelo Buonarroti, la visione prospettica di Piero della Francesca, la sinuosità di Rodin. E ancora, con la curiosità che lo contraddistingue, approda negli anni 80 ad affrontare il tema del diverso, del maschio vs. femmina, con la serie dedicata alla celebre culturista Lisa Lyon: il corpo muscoloso della donna americana viene fotografato nel 1982 coperto da un velo da sposa aprendo la strada alla nuova, problematica riflessione sull’umano.

Censura post mortem per Mapplethorpe

Ciò che più colpisce, oggi, non è certo la presa di coscienza della difficoltà di accettare la nudità nel panorama sociale di oltre un trentennio fa. Se pensiamo invece alla grande retrospettiva dedicata a Mapplethorpe al Fotografiska Museum di Stoccolma, nel 2011, c’è da rimanere basiti. Durante la campagna promozionale dell’evento, l’istituzione museale ha ben pensato di pubblicare su Facebook una serie di opere del fotografo con il risultato di una pronta censura!

E ancora, in Portogallo, il museo d’arte contemporanea della Fondazione Serralves decide di rimuovere una ventina di scatti dai 179 previsti per la mostra Robert Mapplethorpe: Pictures inaugurata nel settembre del 2018. Il direttore artistico João Ribas, contestatore attivo delle scelte prese dalla Fondazione – indignato riguardo la censura al pubblico e il divieto d’ingresso agli under 18 – si è dimesso in appena otto mesi dichiarando: “Viviamo in tempi di profonda incertezza politica […] e minacce alle libertà artistica e accademia. La Serralves Foundation ha perso l’occasione di sostenere quei valori che dovrebbero sostenerla come casa della cultura, del pensiero e della libertà, e ha invece scelto di soccombere al puritanesimo morale e al conservatorismo sociale”.

Oltre a condividere la posizione di Ribas, espressione di un coraggio che mi auguro possa accrescere nel tempo, mi rivolgo ai puritani che guardano ancora al mondo dell’arte, forse, con disattenzione: avete mai osservato il Giardino delle delizie di Bosch, al Museo del Prado di Madrid? Bene, se volgete lo sguardo in una porzione del dipinto, un signore nudo è ritratto mentre accoglie un mazzo di fiori messo nel suo orifizio da un altro personaggio. Che dite, lo censuriamo?

Vedi tutti i post della campagna #LiberArtiCLAN e seguila su Instagram e Facebook:

  • #LiberArtiCLAN | Ila e le Ninfe di Waterhouse
    Ila e le Ninfe di Waterhouse. Maschilismo preraffaellita o femminismo omofobo?
  • #LiberArtiCLAN | Censurata Costantinopoli
    Alla fine del 2016 viene contestata, censurata ed infine rimossa la monumentale opera Kostantiniyye (Costantinopoli) realizzata dall’artista curdo-turco Ahmet Gunestekin.
  • #LiberArtiCLAN | Entartete Kunst. Guerra dichiarata all’arte degenerata
    Nell’estate del 1937 si inaugura a Monaco di Baviera, presso l’Istituto di Archeologia dell’Hofgarten, Entartete Kunst (Arte degenerata) l’esposizione volta a distruggere il modernismo della vita artistica della Germania e tutta l’arte considerata immorale per il regime nazista.
  • #LiberArtiCLAN | La censura del Giudizio
    Il Concilio di Trento, convocato nel 1545, è stato luogo di elaborazione di una nuova ideologia della Chiesa cattolica ed ha avuto un ruolo potenzialmente distruttivo per la spontaneità delle produzioni artistiche.
  • #LiberArtiCLAN | Toscani: censura, innovazione e realtà
    All’inizio degli anni ’90 l’azienda italiana Benetton scelse Oliviero Toscani, fotografo abituato alle provocazioni, come responsabile della comunicazione aziendale. La sua forza creativa, tra molti scandali e censure, cambiò radicalmente l’immagine commerciale e numerose tecniche di comunicazione, segnando la storia della pubblicità italiana e contribuendo notevolmente a diffondere il marchio Benetton nel mondo.
  • #LiberArtiCLAN | Banalissimo Tuttomondo
    Censurare vuol dire esercitare un controllo sul contenuto di una manifestazione di pensiero. Quanto può sbilanciarsi allora l’opinione di un Assessore alla Cultura? Oggi parleremo dell’opinione di Buscemi riguardo il “banalissimo” murale di Keith Haring.
  • #LiberArtiCLAN | Scusaci Man Ray!
    Immagini artistiche, pornografiche e erotiche hanno trovato, nell’era di internet, larga diffusione nell’universo del web che sappiamo bene non essere libero da controlli.
  • #LiberArtiCLAN | Red Flag
    #LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci … ContinuaLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | Spudorato Mapplethorpe
    #LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci … ContinuaLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | Thérèse Sogna
    #LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci … ContinuaLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | Piss Christ
    #LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci … ContinuaLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | Sorry, Egon Schiele
    #LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci … ContinuaLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | INO
    #LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci … ContinuaLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | Clara Tice
    #LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci … ContinuaLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | La colazione sull’erba
    La Colazione sull’erba di Eduard Manet fu al centro di uno dei più clamorosi scandali artistici. Il nudo che presentava non era giustificato da un pretesto mitologico, storico o letterario. Era semplicemente una scena di vita quotidiana, dipinta con una tecnica innovativa, giudicata all’epoca aspra e volgare.
  • #LiberArtiCLAN | L’Origine du Monde
    #LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci … ContinuaLeggi tutto
  • Sparate alla Ballerina Sexy | Arte, Cultura e Censura ai tempi di Facebook
    Il tema della censura è una roba seria, e anche noi di CLAN, nel nostro piccolo, abbiamo assaggiato in più di … ContinuaLeggi tutto