#LiberArtiCLAN | Censurata Costantinopoli

#LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura

Alla fine del 2016 viene contestata, censurata ed infine rimossa la monumentale opera
Kostantiniyye (Costantinopoli) realizzata dall’artista curdo-turco Ahmet Gunestekin. L’installazione, già esposta a Venezia nel 2015, nell’ambito degli eventi collaterali della Biennale, viene posizionata di fronte ad un noto centro commerciale nel quartiere di Atakoy; inaugurata il 22 dicembre è, a distanza di due giorni, coperta da plastiche nere dalla municipalità metropolitana perché considerata provocatoria.

L’opera

Si tratta di un’opera monumentale. Kostantiniyye è una grande scultura di lettere che assemblate su tre registri sovrapposti compongono l’antico nome della città turca. Ciascuna lettera poi conserva al suo interno specchi, sagome di antichi luoghi di culto e simboli religiosi che in un fitto ordito metallico in rilievo celano i nomi che la città ha assunto fin dalla sua fondazione. Gunestekin riassume così, in tredici lettere, la storia e l’identità di una metropoli sorta a cavallo di uno stretto, tra due continenti, densa di storia e contraddizioni. Bisanzio, poi Nuova Roma e Costantinopoli: il nome della città divenne Istanbul nel 1928 per volere di Ataturk come conseguenza di una riforma linguistica del periodo più nazionalista.
Quale pericolo possa rappresentare un’opera d’arte e quali minacce possa mettere in campo sono interrogativi che ci accompagnano continuamente. Sottrarre un’opera allo sguardo, rimuoverla in quanto ritenuta scandalosa, inappropriata e offensiva è prassi frequente e riguarda le ragioni più disparate. Intolleranza, fanatismo, estremismi radicali sono sempre lo sfondo dell’azione di censura che mette in chiaro situazioni rivelatrici di fratture sociali, ideologiche e morali. Come in questo caso.

La protesta

E proprio oggi, quando il tema della convivenza pacifica, civile e interculturale sta diventando sempre di più impopolare, un’opera d’arte del genere ha suscitato una reazione spropositata: fin dalla sua posa in opera l’installazione infatti è stata accerchiata da gruppi di protesta incoraggiati nel dissenso e seguiti dai media locali. Tra i più accaniti oppositori Alper Tan, direttore di Channel A, che ha twittato: “che senso ha scrivere a grandi lettere il nome antico di Istanbul in un momento storico così sensibile?“, senza dubbio riferendosi al
turbinoso passato della città. Non sono poi mancati, secondo i rotocalchi locali, insulti e minacce all’artista, che non ha ricevuto – almeno in Turchia – nessun gesto di solidarietà da parte del pubblico e, cosa ancora più grave, nemmeno da parte degli addetti ai lavori. “È tragicomico che la gente mi accusi di non rispettare la storia non avendo idea di quanto sia stata ricca la nostra storia”, ha dichiarato Gunestekin.

Fare un monumento al nome di Costantinopoli è stato visto come un affronto e una provocazione inaccettabili. È chiaro che l’intento dell’artista non fosse quello di rivendicarne l’attualità quanto piuttosto quello di richiamare la memoria storica e sintetizzare la stratificata nomenclatura della città utilizzando il passato come una lente d’ingrandimento volta ad una visone più consapevole sul presente. La rimozione, in questo caso, anche se sollecitata da un gruppo di opinione, potremmo dire che rifletta il clima di intimidazione e repressione che nella Turchia si è affermato con gli orientamenti politici dell’allora attuale
governo. Se la storia si rivela nella continuità dell’arte, la sua importanza è il suo svolgersi in una connessione di epoche e stili di cui non possiamo cancellarne il racconto. Negare e distruggere il passato equivale infatti a rifiutare l’immagine di noi stessi.

Vedi tutti i post della campagna #LiberArtiCLAN e seguila su Instagram e Facebook:

  • #LiberArtiCLAN | Ila e le Ninfe di Waterhouse
    Ila e le Ninfe di Waterhouse. Maschilismo preraffaellita o femminismo omofobo?
  • #LiberArtiCLAN | Censurata Costantinopoli
    Alla fine del 2016 viene contestata, censurata ed infine rimossa la monumentale opera Kostantiniyye (Costantinopoli) realizzata dall’artista curdo-turco Ahmet Gunestekin.
  • #LiberArtiCLAN | Entartete Kunst. Guerra dichiarata all’arte degenerata
    Nell’estate del 1937 si inaugura a Monaco di Baviera, presso l’Istituto di Archeologia dell’Hofgarten, Entartete Kunst (Arte degenerata) l’esposizione volta a distruggere il modernismo della vita artistica della Germania e tutta l’arte considerata immorale per il regime nazista.
  • #LiberArtiCLAN | La censura del Giudizio
    Il Concilio di Trento, convocato nel 1545, è stato luogo di elaborazione di una nuova ideologia della Chiesa cattolica ed ha avuto un ruolo potenzialmente distruttivo per la spontaneità delle produzioni artistiche.
  • #LiberArtiCLAN | Toscani: censura, innovazione e realtà
    All’inizio degli anni ’90 l’azienda italiana Benetton scelse Oliviero Toscani, fotografo abituato alle provocazioni, come responsabile della comunicazione aziendale. La sua forza creativa, tra molti scandali e censure, cambiò radicalmente l’immagine commerciale e numerose tecniche di comunicazione, segnando la storia della pubblicità italiana e contribuendo notevolmente a diffondere il marchio Benetton nel mondo.
  • #LiberArtiCLAN | Banalissimo Tuttomondo
    Censurare vuol dire esercitare un controllo sul contenuto di una manifestazione di pensiero. Quanto può sbilanciarsi allora l’opinione di un Assessore alla Cultura? Oggi parleremo dell’opinione di Buscemi riguardo il “banalissimo” murale di Keith Haring.
  • #LiberArtiCLAN | Scusaci Man Ray!
    Immagini artistiche, pornografiche e erotiche hanno trovato, nell’era di internet, larga diffusione nell’universo del web che sappiamo bene non essere libero da controlli.
  • #LiberArtiCLAN | Red Flag
    #LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci … ContinuaLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | Spudorato Mapplethorpe
    #LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci … ContinuaLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | Thérèse Sogna
    #LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci … ContinuaLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | Piss Christ
    #LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci … ContinuaLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | Sorry, Egon Schiele
    #LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci … ContinuaLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | INO
    #LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci … ContinuaLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | Clara Tice
    #LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci … ContinuaLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | La colazione sull’erba
    La Colazione sull’erba di Eduard Manet fu al centro di uno dei più clamorosi scandali artistici. Il nudo che presentava non era giustificato da un pretesto mitologico, storico o letterario. Era semplicemente una scena di vita quotidiana, dipinta con una tecnica innovativa, giudicata all’epoca aspra e volgare.
  • #LiberArtiCLAN | L’Origine du Monde
    #LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci … ContinuaLeggi tutto
  • Sparate alla Ballerina Sexy | Arte, Cultura e Censura ai tempi di Facebook
    Il tema della censura è una roba seria, e anche noi di CLAN, nel nostro piccolo, abbiamo assaggiato in più di … ContinuaLeggi tutto