#LiberArtiCLAN | Clara Tice

Clara Tice, Nude with Butterfly, olio su tela.

Quando l’artista Clara Tice mostrò per la prima volta i suoi nudi, che descrivevano la sinuosità e il lirismo della forma umana, non si aspettava di farsi dei nemici. Alcuni membri della comunità bohémien del Greenwich Village di New York, avevano organizzato, nel marzo del 1915, una mostra del suo lavoro al ristorante Polly, presentando la giovane artista come una rivelazione.

Durante la serata inaugurale le opere attirarono l’attenzione di Antony Comstock, il capo della Society for the Suppression of Vice, un gruppo agguerrito e moralizzatore sostenuto dall’YMCA, che aveva lo scopo di sradicare ogni libro, opuscolo, immagine e pubblicazione oscena da New York, per una battaglia di riforma morale. Sotto la forte pressione di questa parte della società, la polizia irruppe alla mostra a sorpresa, cercando di confiscare i disegni giudicati “indecenti”.

Fortunatamente, gli amici dell’artista, a conoscenza della crociata moralista, avevano rimosso gran parte delle opere solo un’ora prima che Comstock potesse strapparle via dai muri e aggiungerle alla sua “collezione d’arte perversa”. Il giorno dopo, l’audace lavoro di Tice, divenne l’argomento più discusso di tutta Manhattan e le foto dell’artista e dei suoi disegni furono pubblicate su riviste come Vanity Fair, Rogue, The Blind Man e Cartoons.

La censura mise in evidenza la sofisticata e innovativa arte di Clara Tice che ebbe così l’opportunità di partecipare a mostre personali e lavorare a numerosi progetti artistici, svolgendo un ruolo importante e centrale nella colorata scena artistica del Greenwich Village.

Vedi tutti i post della campagna #LiberArtiCLAN e seguila su Instagram e Facebook:

  • #LiberArtiCLAN | Sorry, Egon Schiele
    L’arte di Egon Schiele ha suscitato polemiche da sempre, per il suo stile espressionista dal tratto forte e sensuale e per le figure distorte che esaltano la dimensione esistenziale … ContinuedLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | INO
    Tutto succede nella colorata e libertina Ibiza. Una parete del noto street artist greco Ino viene cancellata, ritenendo il suo messaggio inadeguato e offensivo. Facciamo un passo indietro. L’opera … ContinuedLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | Clara Tice
    Quando l’artista Clara Tice mostrò per la prima volta i suoi nudi, che descrivevano la sinuosità e il lirismo della forma umana, non si aspettava di farsi dei nemici. … ContinuedLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | La colazione sull’erba
    La Colazione sull’erba di Eduard Manet fu al centro di uno dei più clamorosi scandali artistici. Il nudo che presentava non era giustificato da un pretesto mitologico, storico o letterario. Era semplicemente una scena di vita quotidiana, dipinta con una tecnica innovativa, giudicata all’epoca aspra e volgare.
  • #LiberArtiCLAN | L’Origine du Monde
    Nel 1866, a Parigi, Gustave Coubert, massimo esponente del Realismo, realizza “L’Origine du monde”, una rappresentazione puntuale, quasi fotografica, dell’organo genitale femminile. Courbet, lontano dalle convenzioni accademiche, dipinse con … ContinuedLeggi tutto
  • Sparate alla Ballerina Sexy | Arte, Cultura e Censura ai tempi di Facebook
    Il tema della censura è una roba seria, e anche noi di CLAN, nel nostro piccolo, abbiamo assaggiato in più di un’occasione il nero pennarello del censore. Oggi che … ContinuedLeggi tutto