#LiberArtiCLAN | Sorry, Egon Schiele

postato in: #LiberArti, Appunti d'Arte, CLAN | 0

#LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura

La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci parla delle loro fobie.
E la paura, lo vediamo oggi più che mai, è l’inchiostro con cui si scrive la storia.

Ogni settimana vi raccontiamo una storia di censura, perché non dobbiamo dimenticare che le nostre libertà – in primis quella di espressione – sono tutt’altro che scontate.

L’arte di Egon Schiele ha suscitato polemiche da sempre, per il suo stile espressionista dal tratto forte e sensuale e per le figure distorte che esaltano la dimensione esistenziale dell’essere umano, diffondendo un messaggio di critica sociale contro la falsità borghese. Le sue opere mostrano persone disinibite che sembrano urlare le loro angosce e ostentano un erotismo senza moralismo e passione.

Un’arte considerata sconveniente e controversa. Nel 1912 infatti, Schiele fu incarcerato per oltraggio alla morale e accusato di aver sedotto giovanissime modelle. Durante il processo venne poi scagionato da ogni accusa, tranne quella di aver esibito opere oscene e pornografiche: un suo dipinto venne perfino bruciato in pubblico a scopo dimostrativo.

Un artista indubbiamente discusso e nessuno poteva pensare che sarebbe stato troppo audace per la nostra società libera, aperta e democratica.

Londra censura Schiele

Per il centenario della morte di Egon Schiele, la città di Vienna, nel 2018, decise di omaggiare il grande artista austriaco con una retrospettiva al Leopold Museum. L’ente del turismo viennese realizzò dei grandi manifesti della mostra per pubblicizzare l’evento nelle capitali europee. A Londra queste immagini suscitarono scandalo, l’azienda Transport for London, che gestisce la metropolitana, si rifiutò di esibire quei manifesti che ritraevano due celebri nudi (Nudo maschile seduto e Ragazza con calze arancioni) che mostravano in modo esplicito i genitali. La società londinese respinse anche una seconda versione delle stampe, in cui le parti intime erano state oscurate digitalmente.  

Successivamente da Vienna arrivò una terza versione modificata, che copriva le oscenità dei dipinti con la scritta: “Sorry, 100 years old but still daring today”, ovvero “Scusate, hanno cento anni ma sono ancora troppo audaci”.

Una risposta intelligente e originale, con un invito a visitare la mostra per poter godere della versione originale (See it all in Vienna!) e un hashtag #ToArtItsFreedom che riproponeva in chiave moderna lo slogan della corrente artistica del secessionismo viennese del 1897: “Ad ogni età la sua arte, ad ogni arte la sua libertà.  

Questa campagna pubblicitaria, secondo il direttore dell’ente del turismo Norbert Kettner, si poneva l’obiettivo di stimolare la discussione sul tema del nudo nell’arte e riflettere sulle capacità comunicative e di apertura mentale degli artisti: “Vogliamo mostrare alle persone quanto in anticipo sui tempi fossero questi grandi artisti attivi a Vienna più di un secolo fa. Oltre a questo, vogliamo incoraggiare il pubblico a notare quanto poco aperte e moderne siano rimaste le nostre società.” 

Vedi tutti i post della campagna #LiberArtiCLAN e seguila su Instagram e Facebook:

  • #LiberArtiCLAN | Ila e le Ninfe di Waterhouse
    Ila e le Ninfe di Waterhouse. Maschilismo preraffaellita o femminismo omofobo?
  • #LiberArtiCLAN | Censurata Costantinopoli
    Alla fine del 2016 viene contestata, censurata ed infine rimossa la monumentale opera Kostantiniyye (Costantinopoli) realizzata dall’artista curdo-turco Ahmet Gunestekin.
  • #LiberArtiCLAN | Entartete Kunst. Guerra dichiarata all’arte degenerata
    Nell’estate del 1937 si inaugura a Monaco di Baviera, presso l’Istituto di Archeologia dell’Hofgarten, Entartete Kunst (Arte degenerata) l’esposizione volta a distruggere il modernismo della vita artistica della Germania e tutta l’arte considerata immorale per il regime nazista.
  • #LiberArtiCLAN | La censura del Giudizio
    Il Concilio di Trento, convocato nel 1545, è stato luogo di elaborazione di una nuova ideologia della Chiesa cattolica ed ha avuto un ruolo potenzialmente distruttivo per la spontaneità delle produzioni artistiche.
  • #LiberArtiCLAN | Toscani: censura, innovazione e realtà
    All’inizio degli anni ’90 l’azienda italiana Benetton scelse Oliviero Toscani, fotografo abituato alle provocazioni, come responsabile della comunicazione aziendale. La sua forza creativa, tra molti scandali e censure, cambiò radicalmente l’immagine commerciale e numerose tecniche di comunicazione, segnando la storia della pubblicità italiana e contribuendo notevolmente a diffondere il marchio Benetton nel mondo.
  • #LiberArtiCLAN | Banalissimo Tuttomondo
    Censurare vuol dire esercitare un controllo sul contenuto di una manifestazione di pensiero. Quanto può sbilanciarsi allora l’opinione di un Assessore alla Cultura? Oggi parleremo dell’opinione di Buscemi riguardo il “banalissimo” murale di Keith Haring.
  • #LiberArtiCLAN | Scusaci Man Ray!
    Immagini artistiche, pornografiche e erotiche hanno trovato, nell’era di internet, larga diffusione nell’universo del web che sappiamo bene non essere libero da controlli.
  • #LiberArtiCLAN | Red Flag
    #LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci parla delle loro fobie.E la paura, lo vediamo … ContinuaLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | Spudorato Mapplethorpe
    #LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci parla delle loro fobie.E la paura, lo vediamo … ContinuaLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | Thérèse Sogna
    #LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci parla delle loro fobie.E la paura, lo vediamo … ContinuaLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | Piss Christ
    #LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci parla delle loro fobie.E la paura, lo vediamo … ContinuaLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | Sorry, Egon Schiele
    #LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci parla delle loro fobie.E la paura, lo vediamo … ContinuaLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | INO
    #LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci parla delle loro fobie.E la paura, lo vediamo … ContinuaLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | Clara Tice
    #LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci parla delle loro fobie.E la paura, lo vediamo … ContinuaLeggi tutto
  • #LiberArtiCLAN | La colazione sull’erba
    La Colazione sull’erba di Eduard Manet fu al centro di uno dei più clamorosi scandali artistici. Il nudo che presentava non era giustificato da un pretesto mitologico, storico o letterario. Era semplicemente una scena di vita quotidiana, dipinta con una tecnica innovativa, giudicata all’epoca aspra e volgare.
  • #LiberArtiCLAN | L’Origine du Monde
    #LiberArtiCLAN | Parliamo di Censura La censura, nell’arte e nella cultura, ci dice molto sulle società che l’hanno imposta, perché ci parla delle loro fobie.E la paura, lo vediamo … ContinuaLeggi tutto
  • Sparate alla Ballerina Sexy | Arte, Cultura e Censura ai tempi di Facebook
    Il tema della censura è una roba seria, e anche noi di CLAN, nel nostro piccolo, abbiamo assaggiato in più di un’occasione il nero pennarello del censore. Oggi che … ContinuaLeggi tutto